La parola agli sponsor

BeMyEye


Luca Antonietti
Amministratore Delegato di BeMyEye

Integrarsi, interpretare, semplificare:
ecco cos’è la ricerca, oggi

Quanto è importante l’intelligence per il business? Ce ne parla Luca Antonietti, Amministratore Delegato di BeMyEye

“Valore e utilità delle ricerche: la conoscenza come investimento”: sarà questo il focus dell’edizione 2016 dell’Assirm Marketing Research Forum. In che modo la conoscenza si trasforma in investimento, influenzando direttamente business e successo per le aziende?

Non puoi migliorare quello che non conosci: è un vecchio mantra ma spesso sottovalutato. La ricerca si propone di fornire l’intelligence necessaria per prendere le decisioni ed attuare miglioramenti. Un piccolo investimento in conoscenza per ottimizzare e reindiririzzare grandi investimenti nel marketing.

Trasformare il valore della ricerca in elemento tangibile è oggi più che mai, in uno scenario mutevole e fluido come quello in cui stiamo vivendo, una grande sfida per il settore. In che modo la state interpretando?

Se un tempo ricerca significava consegnare un rapporto con delle conclusioni, oggi significa integrarsi nei processi di gestione dell’azienda: i dati che raccogliamo alimentano sistemi incentivanti per la forza vendita; forniscono indicatori di visibilità della marca per supportare le trattative col trade; attivano sistemi di alert che permettono alla forza vendita di intervenire in tempo reale nei punti vendita, dove si riscontrano le maggiori non conformità.

Store check e mistery shopping tramite una rete di rilevatori in crowdsourcing: procedure più veloci, costi minori e possibilità di attingere ad una quantità enorme di informazioni. Quali sono le novità che il mercato può aspettarsi da BeMyEye?

Il valore di BeMyEye non è solo nella velocità e qualità della raccolta dati, premesse indispensabili per il marketing e le vendite, per agire con sicurezza e reindirizzare le proprie azioni: che si tratti di un intervento di store excecution o di training per il personale di vendita. In realtà l’uso del crowd contribuisce anche a liberare risorse aziendali: forza vendita e merchandiser sono spesso impiegati in onerose attività di data collection e osservazione, che le distraggono dal loro compito primario: vendere, relazionarsi col cliente. Affidare queste attività di controllo a comuni cittadini è una scelta intelligente e ad alta redditività.