La parola agli sponsor

Doxa


Simone Pizzoglio
Head of Department di Doxa

Ricerca e comunicazione: quando il legame è più profondo che visibile

Per Simone Pizzoglio, Head of Department di Doxa, nel settore delle ricerche è importante sfruttare al meglio la capacità d’integrazione della tecnologia

“Valore e utilità delle ricerche: la conoscenza come investimento”: sarà questo il focus dell’edizione 2016 dell’Assirm Marketing Research Forum. In che modo la conoscenza si trasforma in investimento, influenzando direttamente business e successo per le aziende?

Oggi esiste un paradosso nel Marketing: è fondamentale un posizionamento molto ben definito ma occorre allo stesso tempo la capacità di riallineare continuamente la strategia per riuscire a centrare gli obiettivi.  L’era del controllo di processo è finita, siamo in quella dell’adattamento dinamico: la logica è quella del data-driven marketing con una forte idea strategica alla guida.  La ricerca di marketing diventa quindi il “catalizzatore” del patrimonio informativo, la chiave per prendere decisioni. Quella di cui ci serviamo è una tecnologia capace di integrare la ricerca con le altre fonti di informazione; i Big Data sono il contesto, la materia prima, e la ricerca è l’elemento chiave per interpretare. In questo senso diventa il motore primo del successo.

Trasformare il valore della ricerca in elemento tangibile è, oggi più che mai, in uno scenario mutevole e fluido come quello in cui stiamo vivendo, una grande sfida per il settore. In che modo la state interpretando? 

Aggiungendo valore a tutti i passaggi, proprio perché il valore di una buona ricerca si azzera se i risultati non sono comunicati nel modo giusto. Questo è realizzabile mediante una progettazione attenta della ricerca, mettendo al servizio del Cliente l’expertise di saper costruire un impianto adatto a portare risultati; con un’analisi attenta, per generare risultati chiari, senza ambiguità e in grado di fornire indicazioni azionabili e messi in relazione con indicatori di performance (KPIs) relativi; con un design accurato del delivery e della comunicazione, sia in termini di data visualization, storytelling, tipologie di report e piattaforme di report e dashboarding.

Questo è il 70esimo anno di attività di Doxa in Italia: dal 1946 ad oggi consulenza e strategie aziendali hanno attraversato una vera e propria rivoluzione. Qual è il segreto per restare al passo con i tempi e quali sono i vostri progetti per il futuro?

Nessun segreto: solo una buona pratica, ossia avere il coraggio di sperimentare cose nuove, costruire su quanto di buono fatto in passato e abbandonare senza nostalgia quello che non serve più. I nostri progetti sono proseguire nell’innovazione, integrare le nuove tecnologie del mondo digitale, usando il Capitale di fiducia accumulato con i nostri Clienti in 70 anni per collaborare e esplorare insieme a loro la “nuova frontiera”.